BARZELLETTE





   Indice   

Karluozzi
Alcatraz
Terzo triumvirato
Il Peccato ..
JibJab
Aforisma
La Pecora Sclera
Barzellette.it
Segnali di fumo
 

   Prev


25

Next   





Amazing An Amish boy and his father were in a shopping mall. They were amazed by almost everything they saw, but especially by two shiny, silver walls that could move apart and then slide back together again. The boy asked, "What is this Father?" The father (never having seen an elevator) responded, "Son, I have never seen anything like this in my life, I don't know what it is." While the boy and his father were watching with amazement, a fat old lady in a wheelchair moved up to the moving walls and pressed a button. The walls opened and the lady rolled between them into a small room. The walls closed and the boy and his father watched the small circular numbers above the walls light up sequentially. They continued to watch until it reached the last number and then after a short time the numbers began to light in the reverse order. Finally the walls opened up again and a gorgeous 24-year-old blonde stepped out. The father said quietly to his son.................."Go get your mother."



Una piccola vecchietta entra nello studio di un medico a piccoli passetti. -Dottore ho un problema di gas intestinali. Non è che la cosa mi disturbi poi molto, perche' le scorregge che faccio sono silenziose e assolutamente non puzzolenti. Pero' un po' mi infastidisce; vede, da quando sono entrata nel suo studio ne avro' mollate una ventina. Naturalmente lei non se ne è accorto perche'sono silenziosissime e non puzzolenti, pero' e'così - Il dottore la guarda e le dice Capisco. Conosco bene questo tipo di problema. Faremo due cure separate. La prima cura consiste nel prendere queste pillole per una settimana ininterrottamente. Dopodichè torni da me e vedremo per la seconda parte. Dopo una settimana la vecchietta si ripresenta: -Dottore, non so che cavolo mi ha dato da prendere, ma adesso le mie scorreggie sono si silenziose, ma di un fetore impossibile...! E il dottore, alzandosi con un sorrisetto le dice: -Bene. Adesso che la sinusite è guarita vediamo cosa possiamo fare per l'udito...



La politica del governo inglese riguardo la medicina sociale è stata recentemente ampliata per includere un nuovo servizio chiamato "I Padri Riproduttori". Sotto l'egida del Governo, qualunque sposa, che non riesce a rimanere incinta durante i primi cinque anni di matrimonio, può richiedere i servigi di un "Padre Riproduttore", un impiegato governativo che tenterà di risolvere il problema della coppia mettendo incinta la moglie. Gli Smith, una giovane coppia, non hanno ancora bambini, ed il padre riproduttore dovrebbe arrivare a momenti. Prima di andare al lavoro, Mr. Smith saluta la mogliettina dicendole: ! - Allora io vado, mi raccomando, tra poco dovrebbe arrivare l'uomo del Governo... Pochi attimi dopo un fotografo ambulante per bambini bussa alla porta... TOC TOC TOC La signora Smith apre e fa: - Buon giorno! - Buon giorno signora, lei non mi conosce, ma sono venuto per... - Non c'è bisogno che mi spieghi, la stavo aspettando... - Veramente? Bene! La mia specialità sono i bambini, specialmente i gemelli! - E' proprio quello in cui speravamo io e mio marito, prego, entri e si sieda. - Allora non c'e' bisogno che la convinca all'idea?!? - Non si preoccupi, io e mio marito abbiamo deciso che questa è la cosa giusta da fare. - Bene, allora forse sarebbe meglio cominciare a darsi da fare, che ne dice? La giovane mogliettina arrossendo: - Ehm... da dove cominciamo? - Lasci fare tutto a me. Di solito ne faccio due nella vasca da bagno, una sul divano ed un paio nel letto. A volte il pavimento del salotto permette anc! he sviluppi incredibili! - Vasca da bagno, pavimento del salotto? Ci credo che non ha funzionato con Harry e me da soli... - Bene signora, nessuno dei miei colleghi le può garantire una buona ad ogni colpo, ma se proviamo un poco di posizioni diverse ed io sparo da sei o sette angoli diversi, sono sicuro che lei sarà soddisfatta con il risultato. Infatti, il mio biglietto da visita dice: "La mia mira è il vostro piacere!" - Mi scusi, ma non le sembra che tutto questo sia un poco troppo informale? - Signora, nel mio lavoro un uomo deve essere sempre tranquillo ed a suo agio, mi piacerebbe farle un servizio veloce, entrare ed uscire in cinque minuti, ma non credo che lei ne rimarrebbe molto soddisfatta... - Come la capisco! Ha avuto molto successo? Il fotografo apre la valigetta e ne estrae un album con fotografie di bambini: - Guardi questa foto. Che lei ci creda o no, è stata fatta sul tetto di un autobus al centro di Londra. - Dio mio! ! - E questa è la foto dei due più bei gemelli della città. Sono venuti piuttosto bene considerando come faceva la difficile la madre... - Come mai? - Pensi che l'ho dovuta portare alla Villa Comunale per farle il servizio. Non ho mai lavorato in condizioni così difficili. La gente ci circondava da tutte le parti e si spingevano per cercare di avere una buona visuale su quello che stava succedendo... - Davvero?!? - Si, e ci abbiamo messo più di tre ore. La madre era così eccitata che cominciava a saltellare attorno, gridando ed eccitando la folla. Non riuscivo a concentrarmi, ho dovuto addirittura chiedere ad un paio di uomini forzuti di tenermela ferma. Quando ha cominciato a scendere la sera ho dovuto affrettare le operazioni. Quando gli scoiattoli hanno cominciato a mordicchiarmi l'attrezzatura ho dovuto mettere tutto dentro... - Intende dire che le hanno davvero morsicato... aheeemmm... l'attrezzatura? - Si, ma sono i rischi del mestier! e. Il mio lavoro è un piacere per me. Ho speso anni per perfezionare la mia tecnica. Guardi questo bambino, l'ho fatto nella vetrina di un supermercato. - Fatico a crederle... - Bene signora, se lei è pronta, io preparo il treppiede così possiamo cominciare... - Il Treppiede?!? - Oh, si, ho bisogno del treppiede per reggere la mia attrezzatura, altrimenti non riesco a muoverla e tenerla in mano mentre agisco... Signora Smith? Signora Smith? ..... Cristo, è svenuta...



Five Germans in an Audi Quattro arrive at the Italian border. The Italian customs officer stops them and tells them : "Itsa illegala to putta 5 people in a Quattro!" "Vot do you mean, it's illegal?" asks the German driver. "Quattro means four!" replies the Italian official. "Quattro iz just ze name of ze fokken automobile" the Germans retort unbelievingly. "Look at ze dam paperz : Ze car is dezigned to carry 5 people!" "You canta pulla thata one on me!" replies the Italian customs officer. "Quattro meansa four. You havea five-a people ina your car and you are therefore breaking the law!" The German replies angrily " You ideeiot! Call ze zupervizor over! Schnell! I vant to spik to zumvun viz more intelligence!!!" "Sorry" respondes the Italian, "He canta comea .. He'sa buzy witha two guys in a Fiat Uno."



Un turista giapponese arriva a Fiumicino e prende un taxi per recarsi in centro a Roma. A un certo punto una moto sorpassa il taxi e il giapponese, battendo sulla spalla del taxista: - Questa Suzuki, moto davvelo veloce, fatta in Giappone! Poco dopo un'altra auto sorpassa il taxi e il giapponese dice al taxista: - Questa Toyota, auto davvelo veloce, fatta in Giappone! Arrivati a Roma il taxista mostra la cifra sul tassametro: - Sono 110 euro... Il giapponese: - Questo taxi tloppo calo! E il taxista: - Questo tassametlo veloce, fatto in Giappone!



Due bambini sono seduti nella sala d'attesa di un laboratorio di analisi mediche. Uno dei due piange disperatamente. - Ma perché piangi? - chiede l'altro. - Perché devo fare le analisi del sangue e mi hanno detto che mi pungeranno il dito con uno spillo! Me l'ha detto mio fratello grande! Allora anche l'altro comincia a piangere e singhiozzare. - E tu perché piangi? - Perché io devo fare le analisi delle urine!!!



Dio creò la Padania, poi si accorse dell'errore e creò la nebbia. (Scritta su un muro di Napoli)



Una signora di Napoli: "Ho 10 figli; si chiamano tutti Gennarino." "E come fai a distinguerli?" "Li chiamo per cognome!"



Due napoletani, Ciro e Antonio, dopo aver speso tutti i soldi nella grande Milano si ritrovano con il problema di come tornare a casa! Decidono allora di separarsi per un momento e chiedere l'elemosina onde racimolare la cifra necessaria per far ritorno nella loro calda Napoli. Si danno perciò appuntamento alla stazione di Milano nel giro di un'oretta. Dopo un'ora, i due si ritrovano e Ciro chiede ad Antonio come gli sia andata. Antonio risponde: Cirù, è proprio vero... i settentrionali sono gente fredda... pensa un po', mi sono camuffato per bene da povero cieco e mi son messo a Piazza Duomo con un cartello con sù scritto "POVERO CIECO HA FAME" e nonostante tutto ho racimolato solo 11 euro. A te invece com'è andata? E Ciro: Ho raccolto tremila euro... Antonio rimane allibito ed esclama: E come hai fatto? Ciro con molta calma glielo spiega: Semplice Toni'... sono rimasto qui in stazione, ho preso un pezzo di carta e con una matita ho scritto: "POVERO MERIDIONALE VUOLE TORNARE A CASA!"



Su un treno, un Napoletano vuole conversare con un lord inglese, e gli chiede: Uot is ior neìmm'? E il lord: My name is Bond... James Bond, and you? My name is Sep... Giu Sep!!!



Un uomo torna a casa alle 7 del mattino e trova la moglie sveglia che lo aspetta. Moglie: "Abbiamo fatto le ore piccole, Superman?" "Sai amore, ieri c'era l'incontro d'affari con i Giapponesi..." "E avete discusso fino alle 7 del mattino Superman?" "Fammi finire amore, dopo aver concluso vittoriosamente l'affare alle 11 di sera, li abbiamo invitati a cena" "E è durata fino alle 7 del mattino questa cena, Superman?" "No amore, abbiamo cenato per un paio d'ore ma poi, visto che erano ospiti li abbiamo portati in un locale a farli divertire un po'" "Sì Superman mai i locali chiudono alle 3 massimo alle 3 e mezza. Sono le 7" "Amore non mi fai mai finire, dopo abbiamo pensato di fargli vedere la città by night" "Fino alle 7 del mattino, Superman?" "No amore, ma siamo passati dalla strada delle prostitute e alcuni volevano divertirsi. Se dicevamo di no, avrebbero potuto cambiare idea" "Quanto tempo sono stati con le prostitute, Superman? Tutta la notte?" "No amore, dopo li abbiamo accompagnati all'aeroporto che il loro aereo partiva alle 6" "Va bene Superman ma all'aeroporto dovevate essere un'ora prima. Tra le 5 e le 7 c'è una bella differenza" "Amore dopo siamo andati al bar a fare prima colazione e poi è iniziato il traffico del mattino. Perciò ho fatto tardi. E tu perchè mi chiami Superman?" "Perchè solo tu e Superman mettete le mutande sopra i pantaloni"



Un passerotto si lancia dal nido e, con i pochi rudimenti ricevuti dai genitori, comincia ad esplorare il mondo. Incontra un cane e gli chiede:"tu chi sei?" ed il cane :"sono il cane lupo" "non può essere ! Uno, o è cane o è lupo" ed il cane con tanta pazienza gli spiega "mia mamma era una lupa, mio papà un cane, hanno fatto sesso e sono nato io, il cane lupo" Il passerotto si reca perplesso presso un ruscello per bere e qui vede un pesce "e tu chi sei?" ed il pesce "sono la trota salmonata" "non è possibile, uno, o è trota o salmone" e la trota: "mia mamma era trota, papà salmone, hanno fatto sesso e sono nata io" L'uccellino perplesso si gira e vede un insetto... "e tu chi sei?" e l'insetto: "sono la zanzara tigre.........." e il passerotto: " Ma Vaffanculo va ......!!"



Remember When.

An older couple were lying in bed after an evening celebrating there 50th Wedding Anniversary. The husband was falling asleep,but the wife was in a romantic mood and wanted to talk. She said, "You used to hold my hand when we were courting." Wearily he reached across, held her hand for a second and tried to go back to sleep. A few moments later she said: "Then you used to kiss me." Mildly irritated, he reached across, gave her a peck on the cheek and settled down to sleep. Thirty seconds later she said: "Then you used to bite me on my neck." Angrily, he threw back the bed clothes and got out of bed. "Where are you going?" she asked. He answered, "To get my teeth!"



Al bordo della strada due passanti vedono sfrecciare in maniera spericolata un motociclista. Uno dice all'altro "Ahò! Quello all'anagrafe er nome ce l'ha scritto a matita".



Realmente accaduto a Roma a bordo della Metro A. Una signora espone il biglietto integrato giornaliero al controllore. Signora: "Mi scusi, con questo posso viaggiare tutto il giorno?". Controllore: "Si nun c'hai 'n cazzo da fa'... Sì".



Realmente accaduto in via Nomentana. Un signore alquanto anziano resta immobile con la sua macchina allo scattare del verde e il ragazzo di dietro con una macchinetta alquanto sportiva abbassa il finestrino, si sporge e esclama: "A nonno, guarda che più verde de così nun diventa!".



Sentita sulla Boccea. Un tizio di mezza età a bordo di una 156 rivolgendosi al vecchietto a bordo di una vecchia 600 ferma al semaforo: "Che aspettamo che se mette 'n moto l'asfarto pe' annassene da 'sto 'ncrocio!?".



Sentita a Porta Maggiore, Roma. Al semaforo una macchina in prima fila non parte nonostante sia diventato verde da un po', e uno da dietro: "A moro, c'avemo solo quei tre colori: è 'scito 'r verde, che volemo fa?".



In mezzo ar traffico c'è 'r tipico romano 'ncazzato che dà una serie de clacsonate inutili perché nun c'è pòpo spazio pe' fermasse. Dopo la quarta e quinta clacsonata, quello co' 'r motorino davanti a lui (che ormai era rincojonito dal frastuono) je dice: "A capo, er clacson funziona, mo' prova 'mpò li fari!?".



'Na vòrta me stavo a fa' 'n giro pe' strada e su 'na vetrina ce stava 'n libro 'n cui ce stava scritto: "come vincere la droga". Allora me so' 'mbucato dentro alla libreria e j'ho chiesto: "Quanta se ne pò vince?".



Sentita ad un semaforo dell'Eur. Sono in moto fermo al semaforo. Mi si affianca una macchina con dentro un "signore" intento ad esplorarsi approfonditamente le narici con tutte le dita disponibili... Arriva un motorino con sopra un tizio dall'apparenza insospettabile, giacca, cravatta e valigetta al seguito, che affianca anche lui l'auto, guarda la scena con un misto disgusto stupore e poi dopo aver dato una energica bussata sul vetro dell'automobile: "Ahò, a capoooo! Abbada che più sù ce stanno l'occhiii!!".



Mario, come tutte le sere, esce ubriaco dalla solita cantina e barcollando si avvia a casa. Lungo la strada, trova una lampada magica, la sfrega ed esce il genio. Questo gli dice che può esprimere un solo desiderio e lui, in preda alla sbronza, risponde: - Vorrei pisciare champagne tutta la vita! Arrivato a casa, va in bagno e si accorge che veramente sta pisciando champagne. Allora tutto contento chiama la moglie: - Luisa! Luisa! Vieni a vedere! Piscio champagne!!! E la moglie: - Dai, Mario, vieni a letto, sei ubriaco come tutte le sere... - Ti dico di no, vieni a vedere! La moglie, assonnata, arriva nel bagno, odora un po' e dice al marito: - Cavolo, è vero! Aspettami qua che vado a prendere due bicchieri, dobbiamo brindare! E il marito risponde: - Prendine uno solo, tu ti attacchi alla bottiglia!!!

Barzellette su
Pagine dal 15/9/02